@vascobrondi

Vasco Brondi

vascobrondi

✨ Le luci della centrale elettrica ✨ Tra la via Emilia e la Via Lattea 2008/2018

  • 1.2K Media
  • 52.1K Followers
  • 2.1K Followings
  • 54.3K Total Likes
  • 558 Tot. Comments
Grazie a chi c’era ieri @ilsolitofestival per il nostro dj-set a viaggiare nello spazio e nel tempo con le canzoni e con gli amici di una vita @amodente e @molteni. Grazie ai miei fratelli (letteralmente) del Korova Milk Bar di Ferrara e ai ragazzi di @sonika_sala_prove che hanno organizzato questo splendido festival! ✌🏻✨🙏🏻
🌵🐫 #ferrara
Non sembra ma sto lavorando...
Nel link in bio potete sentire la mia piccola Smisurata Preghiera. Mi ricordo benissimo la prima volta che ho sentito questa canzone. Avevo probabilmente quindici anni e cominciavo ad essere attratto in modo irreversibile dalle canzoni. Restavo ipnotizzato, avevo un modo tutto mio di ascoltare musica. Avevo lo stereo su una mensola nella mia stanza e mi sdraiavo nel letto qualunque orario fosse e facevo partire il disco. Ascoltavo a occhi chiusi con tutte le cellule del mio corpo non solo con le orecchie e a volte entravo in uno stato che ora definirei meditativo, concentratissimo ma rilassatissimo allo stesso tempo. Entravo proprio nelle canzoni e ogni tanto finivo anche in una sorta di dormiveglia dove i miei sogni venivano influenzati dalle canzoni.  A un certo punto inizia Smisurata Preghiera, l’ultima canzone di Anime Salve e come se avesse suonato una sirena ritorno completamente presente e seguo quelle parole, quel racconto, quel ritmo, quelle vite. Un romanzo storico in cinque minuti, parole che non erano mai entrate in nessuna canzone. Mi ha trafitto. Da allora è diventata per me una stella fissa, una direzione verso l’irraggiungibile. Ho cominciato a vedere tutte le canzoni come delle preghiere anche quando non sono smisurate come questa. Scrivere una canzone come fosse una preghiera per gli altri,  un augurio. Questa mia versione è un umile omaggio fatto a cuore aperto, con il pianoforte di @angelotrabace, il violino di @rodrigoderasmo, la mia voce e un vecchio sintetizzatore suonato da @federicodragogna che ha prodotto con me il pezzo mixato poi da @dubfiles. Questa è solo una preghiera piccola non così smisurata, solo un augurio. P.S. De André ha influenzato anche la mia postazione di lavoro che è molto simile a quella che vedete nella seconda foto qui sopra! #fabriziodeandrè #smisuratapreghiera #vascobrondi #smisuratiringraziamenti
Buon 25 aprile! Ho conosciuto l’importanza di questa giornata anche da libri che spesso sono diventati documenti storici più importanti dei documenti storici ufficiali.
Beppe Fenoglio ne Il partigiano Johnny che scriveva “E pensò che forse un partigiano sarebbe stato come lui ritto sull’ultima collina, guardando la città e pensando lo stesso di lui e della sua notizia, la sera del giorno della sua morte. Ecco l’importante: che ne restasse sempre uno.” In un momento in cui si cerca di ridimensionare questa celebrazione dicendo che la verità e il torto non stanno mai da una parte trovo più attuale che mai Italo Calvino che scriveva “D’accordo, farò come se aveste ragione voi, non rappresenterò i migliori partigiani, ma i peggiori possibili, metterò al centro del mio romanzo un reparto tutto composto di tipi un po’ storti. Ebbene: cosa cambia? Anche in chi si è gettato nella lotta senza un chiaro perché, ha agito un’elementare spinta di riscatto umano, una spinta che li ha resi centomila volte migliori di voi, che li ha fatti diventare forze storiche attive quali voi non potrete mai sognarvi di essere!”. In questi giorni sto rileggendo le Lettere di condannati a morte della resistenza italiana pubblicate da Einaudi. Hanno una forza e una vita dentro ancora struggente e sembrano arrivare da un Italia che sta un altro pianeta, sembrano canzoni serene e disperate cantate da chi ci ha liberato.
Piero Calamandrei uno dei fondatori del Partito D’Azione scriveva “Se voi volete andare in pellegrinaggio nel luogo dove è nata la nostra costituzione, andate nelle montagne dove caddero i partigiani, nelle carceri dove furono imprigionati, nei campi dove furono impiccati. Dovunque è morto un italiano per riscattare la libertà e la dignità, andate lì, o giovani, col pensiero perché lì è nata la nostra costituzione.” #25aprile
#Repost @artistixriace ・・・
“È stato il vento” è la frase che Mimmo Lucano ha pronunciato quando nel 1998 la prima imbarcazione carica di curdi è approdata sulle coste di Riace. È stato il vento, a portarli in quelle acque, prima di allora conosciute solo per il ritrovamento dei famosi Bronzi.
.
.
“È stato il vento – Artisti per Riace” è un manifesto, semplice, quasi scarno, poche parole a testimoniare la solidarietà nei confronti di un modello che è stato più volte elogiato e che ha cambiato il volto di una piccola cittadina della Calabria indicando un percorso diverso e possibile per l’accoglienza.
.
.
#artistixriace #èstatoilvento #riace
Sempre bellissima Palermo!
Giretto nell’estrema periferia di Milano che dopo una sessantina di chilometri diventa natura✌🏻🌿 #lagoiseo
🙏🏻✨ #Repost @istitutolamatzongkhapa
・・・
Oggi 10 marzo, ricorre il 60° anniversario dell’insurrezione di Lhasa, un evento drammatico nella storia del Tibet. L’intera popolazione di Lhasa insorse contro l’occupazione militare cinese e nella repressione che ne seguì, 87.000 tibetani vennero brutalmente uccisi. Dal 1959, i tibetani in tutto il mondo ricordano il 10 marzo come la giornata dell’Insurrezione Nazionale Tibetana e chiedono al mondo attenzione, conoscenza e solidarietà. La questione tibetana non riguarda dunque solo il destino del Tibet e del suo popolo ma anche quello di ciascuno di noi. Lunga vita a Sua Santità il Dalai Lama, uomo di pace, esempio di compassione e saggezza e a tutti i preziosi Maestri che preservano questa cultura millenaria e la diffondono a beneficio di tutti gli esseri.#10marzo1959 #freetibet #dalailama @dalailama #lamazoparinpoche #istitutolamatzongkhapa
Oggi apre un nuovo posto importante a Milano, un luogo di contaminazione @germildc. Felicitazioni e auguri @rodrigoderasmo, Francesca, Jerry e Manuel. Grazie per il coraggio e per le possibilità di incontro che questo luogo reale ci potrà dare in mezzo a tanta virtualità. La foto è di @annapaolamartin mentre straparlo con @levanteofficial sotto il libro di @kimletgordon ✌🏻✨
☀️
🌊🚶🏻‍♂️

Loading